IL COMANDANTE DELLA MISSIONE DI NASSIRYA CONDANNATO A RISARCIRE LE VITTIME DELLA STRAGE

L’ex generale Bruno Stano, comandante della missione italiana in Iraq nel 2003, dovrà risarcire le famiglie dei caduti della Strage di Nassiriya. In quell’occasione, il 12 novembre, morirono 19 italiani, tra cui 12 carabinieri. Secondo la Corte di Cassazione, Stano è responsabile di aver “sottovalutato” l’allarme su un attentato “puntuale e prossimo” alla nostra base. Ma anche per la “complessiva insufficienza delle misure di sicurezza”.

Italian soldiers guard the Carabinieri building which was destroyed Wednesday by a truck bomb, in the Italian compound in al- Nassiriya 350 km south of Baghdad on Thursday, 13 November 2003. A suicide bomber blew up a truck packed with explosives at the Italian military base Wednesday, killing at least 26 people. The United States struck at the Iraqi resistance hours later, destroying a warehouse in Baghdad and chasing attackers who were seen firing mortars. EPA/ALI HAIDER EPA

Questo Generale ha sbagliato ed è stato condannato, da noi (polizia penitenziaria) i vertici che sbagliano pagano?? Ci mandano in bocca al lupo senza alcuna considerazione, senza valutazioni di rischio senza strumenti di difesa e protezione, e chi paga?

Noi truppa certamente!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *