ECCOLI, RITORNANO IN MASSA, L’INVASIONE RIPRENDE

Quello appena trascorso è uno dei fine settimana più difficili per Lampedusa: da sabato fino a questo lunedì mattina, sono in totale 11 gli sbarchi di migranti sull’isola, con le condizioni all’interno dell’hotspot sempre più precarie. Undici arrivi che valgono, complessivamente, più di 200 persone sbarcate: gli ultimi due approdi, in ordine di tempo, si hanno nelle scorse ore quando la Guardia di Finanza nota e scorta poi fino al porto due imbarcazioni con 16 e 15 migranti a bordo. Il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, pur rilanciando la necessità di fare in fretta con i trasferimenti, rimarca però come al di fuori dell’hotspot non si vive in uno stato d’emergenza: “Qui gli approdi autonomi ci sono sempre stati”, afferma il primo cittadino. Ma nel centro d’accoglienza la situazione è ai limiti: all’interno di una struttura che al massimo può contenere 95 persone, nella notte appena trascorsa dormono 330 migranti. Questo si traduce in un lavoro estenuante da parte del personale e delle forze dell’ordine, che nel frattempo predispongono d’intesa con il ministero dell’Interno i piani per i trasferimenti. Una quantità così elevata di ospiti impone tempi sempre più rapidi per la gestione dei trasferimenti verso la Sicilia, ma il solo traghetto di linea che porta a Porto Empedocle non basta: di solito è con questo mezzo che i migranti raggiungono le altre province siciliane, stamane altri 90 sono saliti a bordo con l’arrivo previsto in serata nell’agrigentino. Tuttavia occorre uno sforzo ancora maggiore: nelle scorse ore si pensa ai ponti aerei, ma si apprende dall’agenzia Agi che altri 50 migranti lasciano Lampedusa a bordo di un pattugliatore della Guardia di Finanza. In totale, sono quindi 140 gli ospiti dell’hotspot lampedusano trasferiti verso la Sicilia, questo vuol dire che i migranti che dormiranno questa notte nella struttura saranno 190. Un numero comunque sempre ben al di sopra del limite massimo della capienza. Al netto ovviamente di nuovi sbarchi, un’eventualità quest’ultima da non escludere viste le condizioni meteo favorevoli ed un mare che appare calmo e quindi potenzialmente ottimale per nuove partenze dalla Tunisia. È da qui che partono i migranti che in questo mese di settembre approdano in gran numero a Lampedusa: la rotta tunisina appare sempre più usata anche da quei trafficanti che, tradizionalmente, usano invece negli anni passati la rotta libica. Apprensione quindi sull’isola più grande delle Pelagie: l’aumento degli sbarchi per adesso non sta creando situazioni di tensione in paese, con la situazione che sotto il profilo dell’ordine pubblico appare calma. Ma l’impennata degli approdi fa ripiombare molti cittadini lampedusani agli anni di maggiore difficoltà delle emergenze migratorie.

Lascia un commento