PERQUISIZIONI A TAPPETO ANCHE IN SARDEGNA, CARCERI DI NUORO E MASSAMA

Le operazioni sono state eseguite dai colleghi dei due istituti e hanno consentito di scoprire i telefoni, nonostante fossero stati abilmente nascosti.

A Badu ‘e Carros sono stati rinvenuti e sequestrati 4 cellulari nelle camere detentive dei detenuti soggetti al circuito AS3 che appartengono ad associazioni criminali con elevato spessore delinquenziale. È stata un’operazione di intelligence che ha visto impegnati i vari livelli della Polizia penitenziaria anche nelle successive operazioni di perquisizione. Nonostante l’amministrazione non abbia ancora dotato gli agenti di strumenti che possano rilevare la presenza dei cellulari o che possano schermare le zone detentive per impedirne l’utilizzo, sono comunque arrivati importanti risultati che esaltano la grande capacità operativa del personale degli Istituti di Nuoro ed Oristano. Ma perché ancora oggi l’amministrazione penitenziaria sonnecchia e non avvia programmi di installazione e dotazione ai colleghi di apparecchiature in grado di individuare e schermare i cellulari introdotti illegalmente nelle sezioni detentive?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *