CELLE O CAMERE DI PERNOTTAMENTO? CARCERATI O “UTENTI”?

Fanculo ai buonisti, fanculo a chi sta dalla parte dei criminali rinchiusi nelle nostre carceri, fanculo a chi rema contro la polizia penitenziari, fanculo a chi con il proprio becero garantismo ha lasciato spazi di manovra ai delinquenti reclusi. In molti istituti addirittura i blindi non vengono neanche più chiusi. Una volta si faceva durante l’estate per consentire agli “utenti” (ma chi cazzo s’è inventato sta minchia di definizione?), di stare – è il caso di dirlo – un poco più freschi. Ora invece in molte realtà penitenziarie il cosiddetto blindo (e il relativo spioncino) restano aperti. Sempre. Per comprendere meglio la questione vi mostriamo due fotografie: la prima mostra l’Italia, l’altra invece un paese serio. La Repubblica Ceca. Noi di Storie chiediamo a tutti i colleghi e ai sindacati di ribellarsi e di chiedere la chiusura dei blindi. E invitiamo i colleghi della prima linea di essere più attenti e scrupolosi nelle mandate che bloccano i cancelli. L’apertura del blindo è una palese limitazione alla sicurezza del carcere, Viterbo docet.

Italia

Repubblica Ceca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *