POLIZIA PENITENZIARIA, NON SOLO AGGRESSIONI. ORA ANCHE IL RISCHIO MENINGITE

Nell’area tra le province di Brescia e di Bergamo esplode la meningite. Un’emergenza che sta lentamente rientrando, ma lascia sul campo dubbi e paure. Stiamo parlando della zona del basso Sebino dove sono stati riscontrati e diagnosticati alcuni casi di meningite meningococco di tipo C, il più aggressivo e che ha provocato anche due decessi. Le carceri sono ovviamente – come scuole e ospedali – le strutture più a rischio. Ovvio che i colleghi che lavorano negli istituti di pena di Brescia siano preoccupati e chiedano anche loro di essere vaccinati di fronte alla presenza di soggetti e detenuti che vengono anche dall’esterno della provincia. Nel frattempo, nel carcere di Canton Mombello a Brescia è stata riaperta la mensa dopo la chiusura di alcune settimane per aver riscontrato una serie di anomalie. Come qualcuno ricorderà un’ispezione condotta dall’Ats di Brescia che, tra le altre cose, dispose la chiusura della mensa e una completa disinfestazione. Il servizio è gestito da un’impresa esterna che ora dovrà seguire le prescrizioni ricevute. Almeno si spera.

Lascia un commento