IL CODICE DEI CARCERATI, GUAI A PEDOFILI E STUPRATORI…

Siamo in Inghilterra, in una delle prigioni di Sua Maestà la Regina. Un galeotto, condannato per pedofilia, è stato preso di mira da alcuni detenuti della stessa sezione nella quale era rinchiuso anche lui. I suoi compagni di carcere, dopo aver saputo dei suoi reati, lo hanno torturato e molestato per vendetta di quanto fatto. E’ avvenuto nel penitenziario di Pentonville (vicino Londra), dove il pedofilo è in attesa della condanna definitiva che dovrebbe arrivare il mese prossimo.

L’uomo è detenuto con l’accusa di abusi su minore, dopo aver chiuso una ragazza in un appartamento di Londra e averla violentata per ore insieme a due complici. Un reato che ha sconvolto persino gli altri prigionieri che hanno deciso di fargliela pagare a modo loro. Il 21enne è stato frustato con un cavo elettrico nel bagno del carcere, è stato costretto a togliersi i vestiti, è stato picchiato e gli è stata infilata le testa nel water. Le immagini choc sono state filmate con un telefonino che, evidentemente, era stato introdotto illegalmente. Tanto che sotto indagine sono finiti non solo gli episodi di violenza ma anche il possesso di telefoni all’interno del carcere da parte dei detenuti. Già nell’ottobre dello scorso anno un altro pedofilo rinchiuso in un carcere dello Yorkshire era stato ucciso a coltellate dagli altri detenuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *