IL LAVAPIATTI SEDICENTE CHEF, OVVERO GABRIELE RUBINI IN ARTE “RUBIO”, È UNO CHE NON CONOSCE LA VERGOGNA E LA MISURA, DUNQUE LA SUA INCOMPARABILE POCHEZZA

Questo lavapiatti da ristobar di periferia, sapete quei posti infimi e anche un poco disgraziati che puoi beccare in qualche periferia desolata di metropoli, continua a deliziarci con la sua pregiata ditta cazzate a raffica, e inonda il web di affermazioni che dimostrano soltanto che questo lavapiatti ex presunto chef televisivo, non solo non capisce un cazzo di cucina ma costruisce una propaganda (per chi?) che serve solo a dargli uno straccio di visibilità dopo le trombature di Discovery che lo ha cacciato dallo schermo a causa delle minchiate proferite dal Rubini Gabriele. Questa, l’ultima in ordine di comparsa, è stata intercettata da un collega che ce l’ha girata subito. Sono due schermate: la prima riporta le dichiarazioni del lavapiatti di periferia all’agenzia di stampa DIRE, secondo le quali le rivolte carcerarie dei giorni scorsi “sono un giusto urlo”. Ma che cavolo blatera, signor lavapiatti? Egli, da disinformato qual’è, senza alcuna conoscenza diretta del pianeta carcere, pontifica e vomita slogan da veterogruppettaro, e dimentica che i suoi “amici” carcerati hanno preso a pretesto l’epidemia per chiedere indulto, scarcerazioni anticipate, che assolutamente non meritano, ma che comunque alle belle anime come Rubini e purtroppo alcuni soggetti istituzionali hanno scatenato la solita pietas pelosa quanto indecente. C’è poi una seconda schermata che viaggia spedita sui binari della disinformazione: se la prende con Bonafede e scrive quello che vedete qui sotto nella schermata. Guardate, quando qualcuno attacca Bonafede non possiamo che applaudire ma, questa volta, Rubio ha preso una cantonata. Perchè i morti dei quali lui fa nomi e cognomi sono detenuti che, dopo aver messo a ferro e fuoco sezioni e infermerie, indisturbati hanno fatto incetta di psicofarmaci e metadone sgolandosi tutto quello che potevano ingurgitare, e finendo il banchetto con una bella overdose che li ha lasciati tutti stecchiti. Insomma, un suicidio “preterintenzionale”, se ci passate l’ardire giuridico. Invece il lavapiatti l’overdose la fa a suon di cazzate…….

Lascia un commento