POLONIA, PENITENZIARIO DI PLOTZ, IMPOSSIBILE INTRODURRE OGGETTI MA QUALCHE CRETINO CI PROVA LO STESSO

Nelle prigioni polacche è praticamente impossibile introdurre oggetti o droga. Gli agenti in servizio agli ingressi esterni del carcere sono dotati di tecnologie come gli scanner a raggi x e unità cinofile sempre presenti in ogni istituto. Ogni centro di correzione ha in pianta stabile l’unità cinofila, compresa un’area nella quale l’unità può addestrarsi aggiornandosi costantemente. Per noi roba da sogno, vera utopia. La notizia che ci inviano i colleghi polacchi riguarda un tentativo di contrabbandare oggetti che avrebbero minacciato la sicurezza del penitenziario. Durante l’ispezione per mezzo di uno scanner a raggi X di un pacchetto con un bollitore diretto ad un condannato, l’agente addetto ai controlli ha notato un oggetto elettronico. Dopo aver verificato, si è scoperto che un mini telefono cellulare era nascosto all’interno del bollitore.