IL NOSTRO CREDO: DIFFERENZE TRA PERSONE DI DESTRA E DI SINISTRA

Abbiamo trovato in rete questo interessante post sulle differenze tra destra e sinistra. E dato che rispecchia anche il nostro pensiero, abbiamo deciso di ribatterlo anche sui nostri media:

– Quando uno di destra non è cacciatore e non gli piacciono le armi, semplicemente non va a caccia e non compra armi. Uno di sinistra, invece, chiede che sia proibita la caccia e la vendita di armi.

– Quando uno di destra è vegetariano, semplicemente non mangia carne. Uno di sinistra, invece, fa una campagna contro gli alimenti di carne e gli piacerebbe che si proibisse di mangiare carne.

– Quando uno di destra è omosessuale, fa una vita normale. Uno di sinistra, invece, fa apologia dell’omosessualità, va alle manifestazioni “gay pride” e accusa di “omofobia” tutti quelli che non la pensano come lui.

– Quando uno di destra perde il lavoro, pensa a come uscire dalla situazione e fa di tutto per trovare un nuovo lavoro. Uno di sinistra, invece, va a lamentarsi col sindacato, spende fino all’ultimo giorno e va a tutte le manifestazioni e scioperi sia contro la destra e sia contro gli imprenditori.

– Quando a uno di destra non piace un programma televisivo, cambia canale oppure spegne il televisore. Uno di sinistra, invece, se ne lamenta coi giornali, denunciandolo sui quotidiani, alle radio, alle televisioni, ai partiti politici di sinistra ed infine promuove un’associazione perché chiudano il canale televisivo che trasmette quel programma.

– Quando uno di destra è ateo, semplicemente non va in Chiesa. Uno di sinistra, invece, perseguita tutti quelli che credono in Dio, denuncia la scuola che esponga un crocifisso, protesta contro ogni segno di identità religiosa, chiede che si esproprino i beni della Chiesa, che si proibisca la settimana Santa e ogni processione o pellegrinaggio.

– Quando uno di destra ha problemi economici, cerca il modo di guadagnare di più e tende a risparmiare. Uno di sinistra, invece, ne dà la colpa alla destra, agli imprenditori, alla borghesia, al capitalismo, ai neoconservatori. Poi entra in un sindacato sperando di fare un salto in un partito politico, oppure entra nel PD, si candida a qualcosa e spera di poter vivere di politica.

– E per finire, quando uno di destra legge questo scritto, ride e lo manda per email ai suoi. Uno di sinistra, invece, si infuria e dà del fascista e del retrogrado a chi l’ha scritto e glielo ha mandato.