CEDOLINO SENZA STRAORDINARI, IL SINAPPE HA LA SFERA DI CRISTALLO, MENTRE SAPPE E UILPOLPEN SONO DECISAMENTE PIÙ CONCRETI

Se scorriamo i dati che emergono dal portale di NOI PA, si visualizza quale indicazione “de facto” per il mese di luglio l’elargizione del solo stipendio base. Mancano ancora i dati e le certezze sul pagamento del lavoro straordinario e le competenze accessorie. Tuttavia un sindacato, per la precisione il SINAPPE (e l’alleato SIPPE) fa sapere che “la consultazione del portale NOI PA, allo stato attuale, mostra unicamente l’importo dello stipendio tabellare, ma acquisite le opportune informazioni presso i competenti Uffici (quali?), si è appreso che si sta provvedendo proprio in queste ore all’inserimento delle competenze maturate nel mese di maggio 2020. Appena saranno completate le operazioni di inserimento, anche sul portale NOIPA sarà visibile l’importo aggiornato e, salvo diversi e non preventivabili problemi di natura tecnica, gli importi saranno interamente liquidati con il cedolino del mese corrente”. Sarà, ma ad oggi nulla risulta di quanto va scrivendo nella nota il SINAPPE. A quanto pare questo sindacato parrebbe essere dotato di sfera magica, tanto da aggiungere che “inoltre nel cedolino di luglio verranno accreditate le somme previste dal riordino delle carriere relativamente all’incremento del 1° assegno di funzione, fascia 17 anni, che per il ruolo agenti/assistenti vedrà un incremento pari a euro 22,50 con relativi arretrati decorrenza 01 gennaio 2020. Relativamente a quanto previsto – aggiunge il sindacato – all’Art.45 comma 3 “una tantum” si vuole puntualizzare che l’Amministrazione, come il portale NOIPA, sono già in condizioni di liquidare gli importi a tutti i beneficiari, ma non è possibile ad oggi assicurare che tali importi saranno corrisposti nel cedolino di luglio, non essendo ancora aperte le linee di credito da parte del MEF”. Fateci capire: l’amministrazione è già nelle condizioni di assicurare la corresponsione degli importi, ma è dunque il MEF che non apre i cordoni della borsa? Perchè SINAPPE E SIPPE giocano con le parole? Signori ci sono o no questi soldi? No, al momento no. E basta. Pare che il SINAPPE sia voluto correre in difesa di questa indecente amministrazione. Un’amministrazione che poteva già reclamare al MEF la mancata corresponsione degli straordinari. E mentre il SINAPPE va in soccorso all’amministrazione, SAPPE e UILPOLPEN più correttamente scrivono il dato concreto. Abbiamo effettuato anche una verifica e confermiamo quanto sostenuto da questi ultimi. Ecco le note.