POSTO DI CONTROLLO, TENTA DI INVESTIRE I CARABINIERI, PER FORTUNA NON CI RIESCE. I CARABINIERI ORA VERRANNO INDAGATI PER NON ESSERSI FATTI INVESTIRE?

I colleghi dell’Arma sono stati bravi. Loro fanno servizio nella stazione di San Michele Extra, alle porte di Verona. Erano fermi a margine di carreggiata, un normale posto di controllo (e non di blocco che è altra cosa). Decidono di fermare una Mini Cooper che viaggiava un po’ troppo allegramente, bruciando limiti di velocità e sicurezza. I carabinieri alzano la paletta. Il soggetto a bordo dell’auto tenta di investirli, poi tira dritto e accellera. Non gli riuscirà la fuga. I carabinieri con una mossa eccellente di affiancamento lo costringono a fermarsi. Il soggetto ora è visibile, scappa a piedi. E’ il solito marocchino, di quelli sbarcati in Italia con il fiancheggiamento del governo giallo-rosso. Il turpe individuo scappa a piedi. Raggiunto, breve colluttazione, arresto.

L’uomo (?) è stato infine arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. Proprio la droga era il motivo per cui non si era fermato all’alt: nascosti nei pantaloni teneva infatti 20 grammi di cocaina. Stiamo assistendo ad una vera e propria invasione con la complicità delle Ong. L’incapacità del governo nazionale riguardo alla gestione dei flussi migratori è ormai sotto gli occhi di tutti. Nell’anno della pandemia, c’è un “settore” che non ha sentito crisi. Parliamo di quello dell’immigrazione, con sbarchi praticamente triplicati negli ultimi 12 mesi. In perfetta coincidenza con il cambio di governo e il rinnovato atteggiamento del nuovo esecutivo rispetto ai trafficanti di esseri umani che incrociano nel Mediterraneo. Stando all’ultimo cruscotto giornaliero pubblicato dal Dipartimento per le liberà civili e l’immigrazione del ministero degli Interni lo scorso 31 dicembre, che raccoglie tutti i dati dell’anno appena concluso e li mette in relazione a quelli passati, nel 2020 sono sbarcati in Italia 34.134 immigrati.

L’auto su cui viaggiava il marocchino

Tra hotspot, centri di accoglienza e altri programmi, gli immigrati richiedenti asilo attualmente presenti in Italia sono quasi 80mila. 79.938 per la precisione. Quasi un quarto di essi sono ospitati tra Lombardia ed Emilia-Romagna, con valori sensibilmente più bassi nelle altre regioni. E i crimini degli immigrati, aumentano…..

Lascia un commento