Il progetto di un sindacato 2.0

Dare vita ad una ‘coalizione’ in difesa dei poliziotti penitenziari e ad un nuovo modello sindacale non verticistico ma di base, che faccia sinergia per la crescita e per lo sviluppo della Polizia penitenziaria, per riportare i grandi temi – la sicurezza, la formazione, i diritti dei poliziotti, la tutela della prima linea – al centro del dibattito politico-sindacale. Un nuovo modello sindacale, dunque, che rimetta al centro il poliziotto per spalancare le porte ad una nuova fase che veda la centralità e il protagonismo di chi indossa l’uniforme rispetto ai colletti bianchi dell’amministrazione penitenziaria. Un sindacato non “istituzionale” ma di lotta, senza sconti per nessuno. Il sindacato 2.0 ha tra i suoi obiettivi la contrapposizione alla frammentazione dei poliziotti connettendo le lotte nei luoghi di lavoro, sul territorio e nel sociale. Nel sindacato 2.0 sono centrali la democrazia e la partecipazione attiva dei poliziotti attraverso una forma organizzativa orizzontale in tutte le sue articolazioni e una piattaforma aperta da sviluppare nel web, aperta a tutti.

Saremo il sindacato del conflitto, finalizzato all’acquisizione di nuovi diritti e nuove tutele, per una contrattazione che abbia come presupposto il miglioramento delle condizioni di lavoro e di vita per decine di migliaia di poliziotti. Nei prossimi mesi vi daremo ulteriori aggiornamenti sul “work in progress” di cui abbiamo avviato lo sviluppo assieme allo staff legale della nostra organizzazione.