FOLLIA E CRIMINE, LE STRUTTURE SANITARIE PER I CRIMINALI MALATI DI MENTE SONO PIENE….

Sold out, posti esauriti. I pazzi criminali non hanno più alcuno spazio: o restano all’interno delle carceri con i guasti che ben conosciamo, a partire dalle aggressioni ai nostri, o vanno liberi e giocondi perché incapaci di intendere e di volere. Nel nostro Paese ci sono trenta Residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza (REMS) le quali, però, dispongono della metà dei posti che prima erano disponibili negli ospedali psichiatrici giudiziari. La solita buffonata. Riforme che paiono vere e proprie rivoluzioni d’ottobre e poi svaniscono nel nulla per mancanza di concrete alternative. In Francia o nella Repubblica Ceca gli OPG sono rimasti, ma sono strutture all’avanguardia per la cura e il trattamento dei criminali internati. Bastava adottare gli stessi principi da noi. No, la combriccola dei “riformatori” guidata dal tristemente noto Franco Corleone, ha spazzato via tutto senza pensarci su due volte. Intanto negli ultimi anni i reati contro la persona commessi da soggetti affetti da gravi disturbi psichici sono in aumento e pur commettendo talvolta crimini anche particolarmente efferati i tribunali li prosciolgono per infermità mentale sottoponendoli alle misure di sicurezza delle Rems, ma rimangono in libertà proprio perché non ci sono posti nelle strutture individuate dal Dap. E ce li ritroviamo in carcere, violenti, aggressivi, impuniti e intoccabili.

Lascia un commento