ITALIA, QUANDO POLITICA E ISTITUZIONI SI VENDONO AI BOSS DELLA MAFIA

In questa grave escalation al ribasso della politica e dei politicanti che rappresentano la giustizia e tutte le sue articolazioni, nelle ultime ore è andata in onda la seconda parte del film delle rivolte dell’8 Marzo che hanno prodotto il premio Oscar per l’ottima regia per mano dei potenti e sanguinari BOSS di malavita che stanno sempre sul pezzo e che sono riusciti a calcolare pure i tempi del “the end”, ovvero a ridosso della giornata che ricorda, il calendario, della Liberazione…. dei CARCERATI però. Vorremo chiedere ai contestatori di professione, che occupano in ogni occasione piazze, tv, giornali, ovvero a quelle maleodoranti “sardine”, come all’Orlandino segretario Piddino ed ex ministro della giustizia, come al Renzino di Italia Viva o come al suo Prodino, alla Ascanio, alla Boschi, agli Arcobaleno ma come anche il Grasso ex magistrato ed ex Presidente del Senato… ma soprattutto al GRANDE GARANTE dei CAMOSCI, che galoppa sempre sui coglioni pronto a far aprire inchieste farlocche contro i suoi nemici Penitenziari, come la Barbarella D’Urso, AVETE QUALCOSINA DA DIRE? O forse avete la paura delle pesanti ritorsioni dei boss di professione, quei boss che hanno distrutto famiglie e sottomesso l’economia del paese con il pizzo e le estorsioni, e che hanno AMMAZZATO GIUDICI, MAGISTRATI, FORZE DELL’ORDINE. VOI codardi vigliacchi e traditori della politica come dell’informazione che vi fate forti con i deboli, che vi cagate addosso se dovete affrontare in faccia questi CRIMINALI che compiacentemente avete goduto per averli liberati…

Il grande e indimenticabile Giovanni Falcone

SAPPIATE che la POLIZIA PENITENZIARIA insieme a tutte le altre FORZE DELL’ORDINE continueranno ad OPERARE affinché i VOSTRI AMATI CRIMINALI ritorneranno dove GIOVANNI FALCONE & PAOLO BORSELLINO, e non solo, da sempre li hanno relegati: nel più profondo degli ABISSI Penitenziari, consapevoli che in queste notti buie stiamo lavorando per edificare carceri di sabbia, grazie a burattinai senza cervello, ma al sorger del sole, quell’alba fortificherà ogni carcere, ogni suo UOMO e relegherà negli inferi anche il burattinaio e le sue comparse senza cervello. AD MAIORA.